Vi siete mai chiesti perché in aeroporto i percorsi obbligati tendono sempre a sinistra

1 Gennaio, 2018 - Redazione

Ti è piaciuto il nostro articolo?
Nel tempo gli aeroporti si sono trasformati da spogli snodi per il trasporto di pochi viaggiatori selezionati a veri e propri centri commerciali affollati da milioni di passeggeri. Molti di questi però non sospettano che gli aeroporti vengono progettati per influenzare il comportamento umano e che anche i percorsi obbligati per i passeggeri sono strategicamente pensati per spingere i viaggiatori a spendere più denaro possibile mentre raggiungono il loro volo.
aeroporto

L’ora d’oro per gli areoporti
Avete fatto il check in, superato i controlli di sicurezza e ora, nel raggiungere il gate, vi sembra di non poter fare a meno di acquistare quella confezione di cioccolatini belgi o quel profumo di marca che vi richiamano dagli scaffali del duty free. Nessuna meraviglia: tutto nell’areoporto è progettato per spingervi all’acquisto di merci e prodotti. Il tempo che intercorre tra il momento in cui un passeggero supera i controlli di sicurezza e quello in cui sale a bordo dell’aereo viene chiamato “tempo di sosta”. Questo tempo corrisponde al momento in cui i passeggeri sono più propensi a spendere. E’ una vera e propria ora d’oro in cui i viaggiatori, tranquillizzati dall’aver assolto alle pratiche del check in e ai controlli, si trovano in uno stato d’animo rilassato e auto-indulgente, rassicurati dai tabelloni con le informazioni sui voli, di avere ancora un sacco di tempo per girovagare e fare acquisti.

aeroporto

I negozi sono collocati strategicamente
I percorsi all’interno degli aeroporti sono ideati per sfruttare al massimo quest’ora d’oro e far sì che il passeggero spenda quanto più possibile durante la sua sosta. La maggior parte degli acquisti in aeroporto viene infatti effettuata d’impulso (nessuno ha davvero bisogno di un Toblerone gigante), quindi la chiave è disporre i negozi lungo il percorso che i passeggeri sono costretti a fare per raggiungere l’imbarco. In molti aeroporti, si viene indirizzati in una sorta serpentina che costeggia tutti gli scaffali dei duty free, in modo da poter osservare tutte le merci esposte. Se un’intera ora d’oro da dedicare agli acquisti è un’opportunità per il mercato, due lo sono ancora di più: perciò si sta cercando di automatizzare il più possibile le procedure di imbarco e di semplificare i controlli, così da permettere al passeggero di sostare più tempo in aeroporto.

aeroporto

Il percorso in aeroporto curva a sinistra
Vi siete mai chiesti perché il percorso obbligato in aeroporto tenda sempre verso sinistra? Anche questo non è casuale: la maggior parte delle persone è destrorsa, cammina per l’aeroporto trascinando il trolley con la mano destra e tende a guardare verso il lato destro più che verso il lato sinistro. I percorsi in aeroporto curvano pertanto verso sinistra, in modo che sul lato destro vi sia più spazio per disporre le merci.

 

100317-turista

0 Comments

Lascia un commento

« »
Vuoi ricevere le migliori offerte?

Registrati per ricevere la nostra Newsletter